Luna nuova – 25.febbraio

Vedere la realtà

Scambiando la falsità per verità
la verità per falsità
si vive immersi nella menzogna.
 

  Dhammapada strofa 11

Tutti facciamo degli errori. La questione è come imparare veramente da essi. Anche dopo molti anni di pratica, possiamo ancora perdere le staffe e valutare in modo errato le situazioni. Se succede, non dovremmo automaticamente supporre che ci siamo diretti in una direzione sbagliata. Una quercia non fallisce perché ci mette anni a crescere. Quando neghiamo la realtà per molto tempo, l’inerzia si consolida e una parte di noi resiste al cambiamento. Magari in superficie sentiamo di voler cambiare, ma a un altro livello preferiamo ciò che ci è famigliare, anche se fa male. Di qui il bisogno di grande abilità e di grande pazienza. Le vecchie abitudini possono ancora tornare da chi forse ha avuto un bagliore del ‘reale’, e farlo inciampare. Ma con il tempo, l’abilità e la pazienza, l’impulso a fuggire dalla realtà diminuisce. Questo graduale erodersi delle vecchie abitudini può sembrare meno motivante di un improvviso risveglio dal mondo dei sogni, ma quello che conta è quello che veramente funziona.

Con Metta,

Bhikkhu Munindo

(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)

Questa voce è stata pubblicata in miscellanea. Contrassegna il permalink.