Luna piena – 19.dicembre

La chiara prospettiva

Deludenti come un fiore bello
ma senza profumo
sono le parole sagge
senza retta azione.

  Dhammapada strofa 51

È facile pronunciare parole sagge, ma non è sempre facile agire con saggezza.
Prima di poter agire saggiamente è necessario avere cuore e mente allineati a ciò che è vero, a ciò che è reale. Se siamo onesti, presumibilmente ammetteremo che per la maggior parte del tempo la verbosità che si svolge nella nostra testa è fatta di storie che continuiamo a raccontare a noi stessi: sono questo tipo di persona, sono quell’altro tipo di persona.
Per agire in modo davvero saggio ed efficace, quella compulsiva narrazione va indebolita. Non necessariamente fermata perché tali fenomeni mentali possono avere un impeto che richiede tempo affinché terminino. Nel frattempo possiamo esercitare l’ascolto interiore consapevole. Possiamo disciplinare la nostra attenzione in modo da non limitarci a una sorta di ascolto, ma sforzarci di ascoltare realmente.
Provate a sedervi su una sedia, non in meditazione formale, e semplicemente ascoltare; senza prendere posizione pro o contro qualsiasi cosa emerga. Quando prendiamo posizione a favore, allora quello verso cui siamo contro può imbaldanzirsi.
Non prendere posizione né pro né contro non è rinunciare alle responsabilità, è un modo di espandere il nostro senso di consapevolezza così da avere una prospettiva più chiara sulle abitudini del pensare e del sentire condizionati.

Con auguri di ogni bene,

Bhikkhu Munindo

Ringraziamenti a Chandra per la traduzione.

Questa voce è stata pubblicata in miscellanea. Contrassegna il permalink.