Archivi categoria: meditazione

Continuando a praticare

Soltanto “continuando a praticare” si puo’ capire, con sollecitudine, il modo corretto di praticare. Soltanto “continuando a praticare” si puo’ comprendere che la pratica e’ qualcosa di piu vasto del nostro concetto di pratica. Cominciamo a capire che la pratica … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

La relazione con la pratica

Con il tempo la pratica diventa sempre di piu’ una cosa noastra; non e’ piu’ una novita’, non piu’ un problema, non piu’ un corpo estraneo; diventa invece di piu’ una parte di noi. C’e’ un qualcosa di meno appariscente, … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

Chi o cosa è consapevole?

La domanda “ Chi o che cosa e’ consapevole” somiglia molto alla domanda “ Chi o che cosa muove la motivazione”: non riesco a trovare il motore comune, oppure se esiste non riesco bene a metterlo a fuoco.   E’ … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

Essere attenti

Vediamo di fare una meditazione sulla stessa meditazione: invece di iniziare con un fuoco fotografico ristretto cominciamo con il massimo dell’esposizione. Poniamoci in uno stato di attenzione senza scegliere il ritornare ad un oggetto preciso come puo’ essere il respiro. … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

Tre valide motivazioni

Quando si sviluppa un cammino spirituale la spinta della motivazione e’ preponderante. Ci sono diverse cose che ci conducono ad impegnarci nella pratica: la motivazione puo’ nascere dalla spinta del bisogno di calma interiore, oppure dall’essere piu’ rilassati ed a … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

La motivazione

A volte si approda ad un cammino meditativo senza sapere e/o comprendere bene in fondo… PERCHE’? Può darsi che ci rivolgiamo alla meditazione come ad una cura, ad una specie di psicoterapia. La meditazione, in effetti, lo e’ nella misura in … Continua a leggere

Pubblicato in meditazione | Lascia un commento

La pratica… la nostra pratica…

Il corpo seduto con le gambe che possono stare nella posizione incrociata sul pavimento, oppure con i piedi ben piantati a terra se siamo seduti sulla sedia. L’importanza centrale e’ avere la schiena diritta, eretta ma non rigida. La nuca … Continua a leggere

Pubblicato in consapevolezza | Lascia un commento

Considerazioni sulla pratica

  Il corpo seduto con le gambe che possono stare nella posizione incrociata sul pavimento, oppure con i piedi ben piantati a terra se siamo seduti sulla sedia. L’importanza centrale e’ avere la schiena diritta, eretta ma non rigida. La … Continua a leggere

Pubblicato in pratica in azione | Lascia un commento

Satipatthana sutta

  Il discorso più importante che il Bhudda abbia mai pronunciato sullo sviluppo mentale, quindi sulla meditazione, è intitolato Satipatthana sutta, cioè “I fondamenti della Consapevolezza” (n. 22 del Dighanikaya e n. 10 del Najjhina-nikaya). Questo discorso è così venerato nella tradizione buddhista che … Continua a leggere

Pubblicato in considerazioni | Lascia un commento

Prepararsi per la meditazione camminata

  Dal libro “Meditazione camminata“discorsi di Ajahn Nyanadhammo   Trovare un posto adatto Il posto dove il Signore Buddha faceva meditazione camminando a Bodhgaya dopo la sua Illuminazione ancora esiste al giorno d’oggi. Il suo percorso di cammino era lungo diciassette … Continua a leggere

Pubblicato in pratica in azione | Lascia un commento

Cinque benefici della meditazione camminata

Dal libro “Meditazione camminata“discorsi di Ajahn Nyanadhammo   Il Buddha parlò dei cinque benefici della meditazione camminata. Ecco l’ordine che indicò in questo sutta.  Sviluppa la resistenza a camminare per lunghe distanze  Questo beneficio era particolarmente importante ai tempi del Buddha … Continua a leggere

Pubblicato in pratica in azione | Lascia un commento

Meditazione camminata secondo Ajahn Nyanadhammo

  In questo discorso, voglio mettere in evidenza le basi della meditazione camminata. Mi riferirò a come, quando, dove e perché di questa forma di meditazione. Intendo con questo discorso includere sia istruzioni di pratica nei suoi aspetti tecnici della … Continua a leggere

Pubblicato in pratica in azione | Lascia un commento

La Consapevolezza secondo il Venerabile Ajahn Chah

dal libro “On Meditaion”Istruzioni da discorsi di Ajahn Chah ( … segue dalla Meditazione … )  … … … Qualche volta potrebbe sorge qualche dubbio, così devi avere consapevolezza di essere uno che conosce, continuamente seguendo ed esaminando la mente … Continua a leggere

Pubblicato in consapevolezza | 1 commento

La Meditazione secondo il Venerabile Ajahn Chah

Estratto dal libro “On Meditaion”Istruzioni da discorsi di Ajahn Chah   Quando siedi in meditazione e metti la mente in pace, non devi avere troppi pensieri. Giusto porre l’attenzione sulla mente e nulla di altro. Non lasciare la mente saltare a … Continua a leggere

Pubblicato in pratica formale | Lascia un commento

Considerazioni sulla pratica di meditazione

  La parola “meditazione” per alcuni evoca un modo di pensare, di concentrarsi su qualcosa al fine produrre qualcosa. Sennonchè, questa idea di meditazione basata sul pensare, sullo speculare, sull’immaginare, non e’  l’idea giusta. Meditazione non è nemmeno “autoipnosi”. Certe … Continua a leggere

Pubblicato in considerazioni | Lascia un commento

La Sensazione e la Consapevolezza

  LA SENSAZIONE Una sensazione  è un ritorno cosciente ad una sollecitazione: non è oggettiva ma personale. Rispetto ad un evento esterno ogni persona elabora diversi tipi di sensazioni. Sostanzialmente, la sensazione può essere di tre tipi:  piacevole: “questa cosa … Continua a leggere

Pubblicato in consapevolezza | Lascia un commento

Facilitazioni per la pratica della meditazione

La regolarità di frequenza di un gruppo… non in virtù di una disciplina forzata, bensì in risposta ad un interesse personale che deve essere coltivato…   La lettura e lo studio… di libri, di riviste, di periodici di Dharma, nonchè … Continua a leggere

Pubblicato in considerazioni | Lascia un commento

La pratica informale

Imparare ad accendere, durante le nostre attività abituali, la consapevolezza del corpo… l’attenzione al respiro… la pratica di Metta… una consapevolezza sempre più puntuale di reazioni… di emozioni… di attaccamenti… di avversione… Lo sviluppo della pratica informale diventa, col passare del … Continua a leggere

Pubblicato in pratica in azione | 1 commento

La postura

Puoi stare seduto sul cuscino… sulla sedia… sulla poltrona… sul divano… Se ti sei accomodato sul cuscino incrocia le gambe in modo che le ginocchia tocchino terra: ti stancherai meno. Se ti sei accomodato sulla sedia divarica leggermente le gambe … Continua a leggere

Pubblicato in pratica formale | Lascia un commento

La pratica formale quotidiana

Senza idealismi astratti, senza sfiducia preconcetta. Stabilire un tempo da dedicare da un minimo di 20 minuti a un massimo di 1 ora e riproporsi con molta pazienza di farlo diventare uno spazio fisso nella giornata. Per fare una meditazione … Continua a leggere

Pubblicato in pratica formale | 2 commenti