Prepararsi per la meditazione camminata

 

Dal libro “Meditazione camminata
discorsi di Ajahn Nyanadhammo

 

Trovare un posto adatto

Il posto dove il Signore Buddha faceva meditazione camminando a Bodhgaya dopo la sua Illuminazione ancora esiste al giorno d’oggi. Il suo percorso di cammino era lungo diciassette passi. Ancora oggi i Monaci della Foresta tendono a costruire i sentieri di meditazione camminata di questa lunghezza. Delle volte li fanno lunghi trenta passi. Un principiante potrebbe trovare che un percorso lungo trenta passi potrebbe essere troppo lungo perché ancora non ha sviluppato una pienezza mentale. Potrebbe capitare che alla fine del percorso la sua mente sia andata avanti e indietro nel mondo. Ricordare che meditare camminando è una postura stimolante e inizialmente la mente tende a distrarsi molto. Per i principianti sarebbe meglio iniziare con un percorso più corto; quindici passi dovrebbe essere una lunghezza corretta.

Se mediterai camminando all’aperto, cerca un sentiero dove non potrai essere distratto e disturbato. Sarebbe bene trovare un percorso un po’ chiuso. Potrebbe essere molto distraente un percorso troppo aperto dove ci fosse una vista, così da notare che la mente ne viene attratta. Un posto chiuso è consigliato per personaggi che pensano troppo; aiuterà a calmare la loro mente (Vsm, III, 103). Se il percorso è chiuso si tenderà a girare la mente verso l’interno, dentro se stessi e verso la tranquillità.

Preparare il corpo e la mente

Una volta scelto il percorso ritenuto adatto, restare fermi un attimo. Stare ben dritti. Mettere la mano destra sopra la mano sinistra davanti a voi. Non camminare con le mani dietro di voi. Ricordo un Master di Meditazione che visitò il monastero, commentare quando vide uno degli ospiti meditare camminando con le sue mani dietro il corpo: “Non sta meditando camminando; sta passeggiando”. Fece questa osservazione perché cos’ facendo non c’è sufficiente chiara determinazione di focalizzare la mente sulla camminata, rispetto a mettere entrambe le mani in avanti, per differenziare la corretta postura della camminata.

La pratica camminata prima di tutto sviluppa samadhi (attenzione) e prende il fuoco sul corretto sforzo. La parola pali samadhi significa focalizzare la mente, sviluppare la mente su un punto di meditazione, aumentando gradualmente la consapevolezza e la concentrazione. Per focalizzare la mente bisogna essere diligenti e determinati. Questo primo requisito richiede impegno del fisico e allo stesso modo una compostezza mentale. Si comincia a comporre la postura mettendo le mani di fronte. Comporre la postura aiuta a comporre anche la mente. Avendo così composto il corpo, si dovrebbe prendere consapevolezza e attenzione sul corpo. Quindi alzare le mani insieme per un inchino, e per un attimo gli occhi riflettono per qualche istante sulle qualità del Buddha, del Dhamma e del Sangha.

Si può contemplare l’aver preso rifugio nel Buddha, colui che è saggio, colui che conosce e vede, il risvegliato, il completamente illuminato. Riflettere nel proprio intimo sulle qualità del Buddha per qualche istante. Quindi richiamare alla mente il Dhamma, la verità che siamo tesi a realizzare e coltivare sul cammino della meditazione. Infine richiamare il Sangha, in special modo coloro che sono pienamente illuminati e che hanno realizzato la verità coltivando la meditazione. Quindi prendere le mani una dentro l’altra, davanti, e prendete determinazione su quanto a lungo mediterete camminando, una mezz’ora, un’ora, o di più. Comunque sia lungo decidete la durata. In questo modo aiuterai la mente ad essere allenata con gusto, inspirazione e fiducia.

E’ importante ricordare di tenere gli occhi bassi in avanti circa un metro e mezzo. Non guardare intorno per distrarsi. Tenere la consapevolezza sul feeling con il contatto dei piedi sul suolo, e in questo modo, svilupperete una attenzione fine una chiara visione del camminare camminando.

 

Ogni bene, Sudhammo

<< indietro

<< blog associato

Questa voce è stata pubblicata in pratica in azione. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.