Intuizione delle situazioni

 

Talvolta si ha un’intuizione nei momenti più inaspettati. Mi capitò a Wat Pah Pong. La regione nord-orientale della Thailandia non è il posto più bello e piacevole del mondo con le sue foreste rade e le distese piatte; inoltre vi fa un caldo terribile; dovevamo uscire a metà pomeriggio a spazzare le foglie dai numerosi lunghi sentieri. Passavamo l’intero pomeriggio sotto il sole cocente, sudando e spazzando le foglie con scope rudimentali; questo era uno dei nostri compiti e non mi piaceva per niente. Pensavo: “Non voglio farlo; non sono venuto qui per ripulire i sentieri dalle foglie; inoltre fa caldo e io ho la pelle chiara; potrei prendere il cancro della pelle, stando fuori con un clima così caldo”.

Un pomeriggio stavo lì fuori, tremendamente avvilito e pensavo: “Ma che sto facendo qui? Perché sono venuto? Perché continuo a rimanerci?” Stavo lì con la mia scopa in mano, privo completamente di forze, odiando tutti e compiangendomi. In quel momento apparve Ajahn Chah, mi sorrise e disse: “Wat Pah Pong é una gran sofferenza, vero?” e se ne andò. Io pensai: “Perché ha detto così?” e poi: “ma in fondo non è così male!”. Il suo intervento mi portò a riflettere: “Spazzare le foglie è veramente così spiacevole?…No, non lo è. E’ una cosa neutra; scopare via le foglie non è né questo né quello… E’ proprio così terribile sudare? E’ un’esperienza triste, umiliante? E’ veramente così terribile come io la sto immaginando?… No, sudare fa bene, è una cosa assolutamente naturale. E io non ho il cancro della pelle e la gente di Wat Pah Pong è molto simpatica. Il maestro è una persona molto gentile e saggia. I monaci mi hanno sempre trattato bene. I laici mi danno cibo e… di che cosa mi sto lamentando?”.

Riflettendo sull’esperienza di essere lì, pensai: “Sto bene. La gente mi rispetta, sono trattato bene. Ricevo insegnamenti da persone gentili in un bellissimo paese. Non c’è niente di sbagliato, eccetto che in me; mi sto facendo tutti questi problemi perché non voglio sudare e non ho voglia di ripulire i sentieri dalle foglie”. Improvvisamente ebbi un’intuizione molto chiara: percepii qualcosa in me che si lamentava sempre, criticava e mi impediva di darmi, di offrirmi completamente alle varie situazioni, agli eventi.

Un’altra esperienza da cui trassi insegnamento fu l’abitudine di lavare i piedi dei monaci anziani quando tornavano dal giro di elemosina. Avevano camminato a piedi nudi nei villaggi e nella melma dei campi di riso. Fuori dalla sala da pranzo c’erano delle bacinelle per lavarsi, ma quando appariva Ajahn Chah tutti i monaci – circa una ventina o una trentina – correvano fuori e lavavano i piedi di Ajahn Chah. La prima volta che vidi ciò, pensai: “Io non farò mai una cosa del genere!” Il giorno dopo trenta monaci si precipitarono a lavare i piedi di Ajahn Chah, appena questi apparve e io pensai: “Che stupidaggine. Trenta uomini che lavano i piedi di uno solo! Io non lo farò mai!” Il giorno dopo, la reazione fu ancora più violenta… Trenta uomini si precipitarono a lavare i piedi di Ajahn Chah e…”E’ una cosa che mi fa proprio arrabbiare, mi sono stufato. Mi sembra la cosa più stupida che abbia mai visto: trenta uomini che accorrono a lavare i piedi di un solo uomo! Forse lui pensa di meritarlo; si sta veramente costruendo un ego immenso. Probabilmente ha un ego enorme, con tutta quella gente che gli lava i piedi ogni giorno. Io non lo farò mai!”.

Stavo lasciando che una forte reazione, una reazione esagerata, crescesse in me. Ero seduto lì triste ed arrabbiato. Guardavo i monaci e pensavo: “Mi sembrano tutti stupidi. Non so che sto facendo qui!”

Ma poi cominciai a pensare: “E’ proprio brutto stare in questo stato d’animo. Cosa c’è che mi fa arrabbiare? Loro non mi hanno costretto a farlo. E’ tutto a posto. Non c’è niente di strano che trenta uomini lavino i piedi di uno solo. Non è una cosa immorale o cattiva e forse ne sono addirittura contenti; forse lo vogliono fare, forse è giusto farlo… Forse dovrei farlo anch’io”. Il giorno dopo, trenta e uno monaci corsero fuori a lavare i piedi di Ajahn Chah. E dopo non ebbi più problemi, mi sentivo bene, era finito quel tormento dentro di me.

E’ importante riflettere sulle cose che suscitano in noi indignazione o rabbia: c’è veramente qualcosa di sbagliato in loro oppure siamo noi a creare dukkha intorno ad esse? Solo allora potremo capire i problemi che noi stessi ci creiamo nella nostra vita e che portiamo in quella degli altri.

Con la consapevolezza saremo in grado di affrontare tutte le situazioni della vita: l’eccitamento e la noia, la speranza e la disperazione, il piacere e il dolore, l’attrazione e la ripulsa, l’inizio e la fine, la nascita e la morte. La nostra mente sarà in grado di accettare l’intera esperienza, invece che accoglierne solo la parte piacevole e sopprimere quella spiacevole. Questo processo di consapevolezza significa andare incontro a dukkha, osservare dukkha, ammettere dukkha, riconoscere dukkha in tutte le sue manifestazioni. Solo allora perderete l’abitudine di reagire nel solito modo: o con compiacimento o con repulsione. Potrete così sopportare meglio il dolore, potrete essere più pazienti verso di esso.

Questi non sono insegnamenti fuori dalla portata della nostra esperienza. Anzi, sono riflessioni sulle nostre esperienze reali, e non complicati intellettualismi. Cercate quindi di andare sempre avanti, senza fossilizzarvi nell’abitudine. Per quanto tempo continuerete a sentirvi colpevoli per errori o fallimenti del passato? Avete intenzione di trascorrere la vostra vita ripensando alle cose che vi sono capitate, a specularvi sopra, ad analizzarle? Certe volte si diventa così complicati! Se indulgete ai ricordi, ai punti di vista, alle opinioni, rimarrete sempre ancorati al mondo, senza trascenderlo.

Potrete superare questo ostacolo se saprete usare l’insegnamento nel modo giusto. Dite a voi stessi: “Non intendo essere più preso in questo meccanismo; rifiuto di prendere parte a questo gioco e di lasciarmi andare a questo atteggiamento”. Cominciate a porvi nella posizione di ‘conoscere’: “So che questo è dukkha, che c’è dukkha“. E’ molto importante risolversi ad andare dove sta la sofferenza e a dimorare in essa. E’ solo esaminando e confrontandosi con la sofferenza che si può sperare di raggiungere la folgorante intuizione che fa dire: “Ora so!” Questa conoscenza di dukkha è la comprensione profonda della Prima Nobile Verità.

tratto dal libro “Le Quattro Nobili Verità” del Venerabile Ajahn Sumedho

Ogni bene, Sudhammo

<< indietro

<< blog associato

Questa voce è stata pubblicata in esiste la sofferenza. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.