L’ago della siringa

Questa è sofferenza. La sofferenza ordinaria è una cosa; la sofferenza sopra e oltre l’ordinario è qualcosa di altro.
I dolori del corpo… dolori stando seduti… dolori stando in piedi… dolori stando sdraiaiti… questi tipi di dolore sono ordinari, sono i dolori del corpo.
Il Buddha fece questo tipo di esperienze. Fece esperienze piacevoli, e dolorose quali questi, ma realizzò che esse sono solo ordinarie.
Restò tranquillo di fronte a tutti questi piaceri e dolori ordinari perchè comprese che erano ordinari.
Capì quale era la sofferenza ordinaria: fu proprio così. Non fu tutto così arduo.
Invece, prese ad osservare ciò che era fuori la sofferenza ordinaria, visitando la sofferenza, la sofferenza al di sopra e avanti l’ordinarietà.

E’ come quando siamo malati e andiamo dal medico per una cura.
L’ago della siringa viene inserito attraverso la pelle dentro la nostra carne. Fa un po’ male, ma è un dolore ordinario. Ci fa male… questo è un po’ per tutti.
La sofferenza oltre l’ordinaria è la sofferenza di upadana, dell’attaccamento.
E’ come se un ago fosse bagnato nel veleno e ficcato nel corpo. Non fa male in modo ordinario: non è sofferenza ordinaria.
Fa male abbastanza da ucciderci.

Venerabile Ajahn Chah     

<< indietro

<< blog associato

Questa voce è stata pubblicata in in parole povere. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.