La verità dell’impermanenza

Qui ad Amaravati recitiamo il Dhammacakkappavattana Sutta nella sua forma tradizionale. Quando il Buddha tenne il sermone sulle Quattro Nobili Verità, uno solo dei cinque discepoli lo capì veramente; solo uno ebbe un’intuizione profonda. Agli altri piacque e pensarono: “E’ proprio un bell’insegnamento”, ma solo uno di essi, Kondañña, comprese perfettamente ciò che il Buddha voleva dire.

Anche i devas stavano ad ascoltare il sermone. I devas sono creature celesti, eteree, molto superiori a noi. Non hanno rozzi corpi come noi; hanno corpi eterei e sono belli, gentili, intelligenti. Ma anch’essi, seppur dilettati da quel sermone, non ne furono illuminati.

Si dice che furono molto contenti dell’illuminazione del Buddha e che, all’udire l’insegnamento del Buddha, lo acclamarono attraverso tutti i cieli. Cominciarono i devas del primo livello e poi quelli del secondo livello e presto tutti i devas di tutti i livelli ne gioirono, su su fino al più alto, al regno di Brahma. Tutti erano contenti che si fosse messa in moto la Ruota del Dhamma; eppure, dei cinque discepoli, solo Kondañña, fu illuminato, ascoltando il sermone. Alla fine del sutta, Buddha lo chiamò Añña Kondañña. Añña significa ‘profonda conoscenza’, per cui Añña Kondañña significa ‘Kondañña che sa’.

Cosa sa Kondañña? Quale fu l’intuizione che il Buddha gli riconobbe alla fine del sermone? Fu questa: “Tutto ciò che è soggetto a nascere è soggetto anche a cessare”. Può darsi che non ci sembri una grande intuizione, eppure essa implica una verità che riguarda l’universo intero: tutto ciò che è soggetto alla nascita è soggetto anche alla cessazione; è impermanente, senza un sé… Perciò non siate avidi, non lasciatevi illudere da ciò che nasce e cessa. Non cercate protezione rifugiandovi e credendo in ciò che nasce, poiché è destinato a cessare.

Se volete soffrire e sprecare la vostra vita, andate a cercare ciò che nasce; inevitabilmente vi porterà alla fine, alla cessazione, e non per questo diverrete più saggi. Anzi, andrete in giro ripetendo sempre vecchi modelli di comportamento e alla morte vi accorgerete di non aver imparato nulla di importante durante la vita.

Invece di pensarci soltanto, contemplate che “tutto ciò che è soggetto a nascere, è soggetto a cessare”. Applicatelo alla vita in generale, ed alla vostra esperienza in particolare. Comincerete allora a capire. Prendete nota: “inizio… fine”. Contemplate come stanno le cose. Tutto il mondo sensoriale nasce e cessa, comincia e finisce; e in tal modo si può avere la comprensione perfetta (samma ditthi) ancora in questa vita. Non so quanto tempo Kondañña visse dopo il sermone del Buddha, ma sicuramente in quel momento raggiunse l’illuminazione e da allora in poi ebbe sempre una perfetta comprensione.

Vorrei sottolineare l’importanza di sviluppare questo modo di riflettere. Invece che pensare soltanto a sviluppare un metodo per tranquillizzare la mente – che comunque è una parte importante della pratica – cercate di capire che meditare vuol dire soprattutto dedicarsi ad una ricerca profonda. Richiede il coraggioso sforzo di guardare profondamente dentro alle cose, senza però soffermarsi ad analizzare se stessi e a giudicare le cause della sofferenza solo a livello personale; richiede di impegnarsi con serietà a proseguire il cammino fino a raggiungere una profonda conoscenza. E questa perfetta comprensione è basata sul sorgere e cessare. Una volta capita questa legge, tutto assumerà la giusta proporzione. Enunciare che ‘tutto ciò che è soggetto a nascere, è anche soggetto a cessare’ non è un insegnamento metafisico. Non concerne la realtà ultima – la realtà della non-morte – ma se riuscite a capire e ad intuire profondamente che tutto ciò che è soggetto a nascere è anche soggetto a cessare, realizzerete la verità ultima, la non-morte, le verità immortali. Questa è la giusta via verso la realizzazione finale: non è un’affermazione metafisica, ma ci porta alla realizzazione metafisica.

 

tratto dal libro “Le Quattro Nobili Verità” del Venerabile Luang Por Sumedho

Ogni bene, Sudhammo

<< indietro

<< blog associato

Questa voce è stata pubblicata in cessazione della sofferenza. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.