Pattaya – Il Santuario della Verità

Il Santuario della Verità ( Prasat Sut Ja Tum, in lingua Thai)

 

Sul lungomare di Rachvate Cape Pattaya, si trova una gigantesca costruzione chiamata Santuario della Verita’.

 E’ alto e lungo 100 metri, e ricopre un’area di 35 acri.

Non è soltanto  la riproduzione di un’arte antica, ma anche la forza di una creazione contemporanea. E’ stata una ricerca tra differenti culture, e un misto di tradizioni del passato dando sviluppo a nuove arti.

Le parti emergenti, dai tempi della sua fondazione, nel 1981, sono tutte realizzate in legno con l’intenzione di realizzare un autentico Santuario.
L’obiettivo fu costruirlo al fine di preservare e rivivere l’antica conoscenza. 

Dalla storia thailandese, sin dal XVII secolo, gli artisti thai possono costruire queste strutture, che sono pari a un moderno palazzo di venti piani.

Tra le varie forme di arte, non curandosi della nazionalità e della religione, il santuario riflette, il pensiero e lo spirito delle culture dell’est, e annuncia al mondo il completo e lungo stato interiore. 

La Verità mostrata attraverso il santuario, è la convivenza tra l’essere umano e l’universo, quali:

  • Il padre,
  • la madre,
  • la terra,
  • il cielo,
  • il sole,
  • la luna,
  • le stelle.

Non sono solo fantasie, ma la verità dell’essere umano che i filosofi orientali, hanno ricercato e riscoperto da tempo immemorabile.

 

Scolpito -sia dentro che fuori- da una miriade di statue di tradizione Induista e Buddhista; fu fortemente  voluto dal milionario uomo d’affari thailandese Lek Viriyaphant, che non vedrà mai il completamento di questa opera, previsto per il 2025, in quanto è deceduto nel 2000.

Quindi si sta lavorando su questa opera monumentale da circa trentuno anni.

Il Santuario della Verita’, vuole essere luogo dove la gente possa riunirsi, per riconoscere i 7 creatori e 4 elementi (terra, aria, fuoco, acqua), che porteranno al mondo ideale, in un percorso sia collettivo che individuale.

 

Metta, Bianca

Questa voce è stata pubblicata in monasteri. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.