Chiudere con la fretta

Una mente consapevole non ha fretta; la vita non e’ il passato, non e’ il futuro, ma e’ l’attimo attuale. E’ adesso che sono consapevole di esistere, e’ questo l’attimo che sto vivendo.

Perche’ ti affanni a fare una cosa di fretta? Per farne subito un’altra, poi un’altra e un’altra ancora… senza un attimo di sosta… anzi se riuscissi a farne due o tre insieme sarebbe meglio. E poi mi posso godere la rilassatezza della meditazione… Niente di piu’ errato. E’ una grossa contraddizione.

Prova a fare una cosa alla volta senza fretta, in anticipo sui tempi prevedibili; prova ad applicare la pratica informale alle tue azioni quotidiane, alle azioni che avresti fatto… di fretta.

Rallenta la tua azione affinche’ diventi partecipata con la mente consapevole; ti renderai conto dei movimenti del tuo corpo, delle sensazioni che nascono durante i movimenti, le interazioni con l’ambiente circostante.

Questo ho ascoltato dal Maestro Corrado Pensa.

 

Ogni bene, Sudhammo

<< indietro

<< blog associato

Questa voce è stata pubblicata in sentiero per la cessazione della sofferenza. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.