Retta Condotta di Vita

La Retta Condotta di Vita significa che ci si deve astenere, per guadagnarsi da vivere, da professioni che possano nuocere agli altri, come il commercio delle armi o di altri strumenti di morte, di bevande intossicanti, di veleni, dall’uccidere animali e ogni altro essere vivente.

Si esorta invece a vivere una professione onorata, irreprensibile, che non nuoccia agli altri.

E’ dunque chiaro che il Buddhismo si oppone fermamente a ogni tipo di guerra, poiché ha posto come principio che il commercio delle armi e di altri strumenti di morte è un mezzo di vita malvagio e ingiusto.

Si deve ben comprendere che la condotta etica e morale insegnata dal Buddhismo mira a promuovere una vita armoniosa e felice sia per ognuno di noi, che per la società.

La Moralità è considerata come indispensabile fondamento delle realizzazioni più elevate.

Nessuno sviluppo intellettuale è possibile senza questa base morale.

 

dal libro “L’insegnamento del Buddha” del Venerabile Walpola Rahula

Ogni bene, Sudhammo

<< nobile ottuplice sentiero

<< blog associato: uno stile di vita

 

Questa voce è stata pubblicata in moralità. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.