Luna nuova – 18.luglio.2012

LUNA NUOVA — mercoledì 18 luglio — da Ajahn Munindo

Siamo noi la nostra protezione
proprio noi siamo il nostro rifugio:
come potrebbe essere altrimenti?
Dunque con adeguata premura
prendiamoci cura di noi stessi.

Dhammapada strofa 380

 

Come possiamo “prenderci cura” adeguatamente di noi stessi senza diventare egoisti?
Un altro modo per dire “prendere cura” è retta presenza mentale.
Addestriamo noi stessi a guardare con attenzione.
Quando il prendersi cura si trasforma in attaccamento, il cuore si gela; “io” e “mio” subentrano mentre gentilezza e discernimento equilibrato svaniscono. 
Possiamo affidarci al potere della consapevolezza di rivelare questo processo, come e quando accada. Così impariamo gradualmente a leggere i nostri cuori: cosa si prova nel corpo/mente quando il cuore è aperto, ricettivo e nutre interesse?
Che cosa si sente quando il cuore è chiuso con risentimento, amarezza e paura?
Percependo attentamente il nostro atteggiamento verso, attorno, sopra e sotto i tanti momenti di impedimento, la vita ci insegna a lasciare andare. Se potessimo lasciare andare ompletamente, ci sentiremmo del tutto protetti.

Con Metta,
Bhikkhu Munindo

Questa voce è stata pubblicata in fasi lunari. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento