Luna nuova – 13.novembre.2012

LUNA NUOVA — martedì 13 novembre — da Ajahn Munindo

Chi conosce la libertà
di aver abbandonato
il fardello dell’attaccamento
al corpo-mente
lo chiamo un grande essere.

Dhammapada strofa 402

È una fortuna avere amici affidabili, essere sani e aver ricevuto una buona istruzione. È certamente una fortuna aver incontrato gli Insegnamenti spirituali che ci indicano una via attraverso le paludi della confusione. Sarebbe una fortuna anche più grande se riuscissimo ad arrenderci agli Insegnamenti e a fare esperienza dell’abbandono di tutti i nostri pesi. Nello stesso tempo, questi cosiddetti pesi non vanno visti come qualcosa di sbagliato. Può sembrare che ostacolino il nostro progresso sul sentiero; ma possono anche esserci d’aiuto. In realtà, sono la naturale conseguenza dell’inconsapevolezza e si manifestano ogni volta che ci attacchiamo al corpo/mente. Il Buddha viveva con illimitata consapevolezza, libera da ogni attaccamento.
Arrendersi ai suoi Insegnamenti non significa solo non girare le spalle agli apparenti ostacoli ma anche studiarli, con interesse, con disponibilità, fino a vederli come la fantasia che in effetti sono.

Con Metta,

Bhikkhu Munindo

(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)

Questa voce è stata pubblicata in fasi lunari. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.