Il Confronto

Paragonarci agli altri è un’afflizione mentale molto potente. Questa viene chiamata vanità. Quando siamo irretiti dalla vanità veniamo spinti fuori da noi stessi, nel tentativo di sapere chi siamo e conoscere la nostra identità ed esperienza mediante il paragone con gli altri.

Se cerchiamo di stabilire attraverso il paragone chi siamo, che cosa siamo, che cosa è importante, se siamo oppure non felici, allora tutto questo ribollire della mente minaccia la nostra felicità.

Il confronto è un’inquietudine sorda e dolorosa.

Alla radice della mente che confronta c’è la competizione. Quando la battaglia è una lotta interiore per determinare chi sia il migliore o il peggiore, chi sia il più felice e meritevole, ci stiamo avviando versa la sconfitta. 

 

Questo ho udito dal Maestro Corrado Pensa

Ogni bene, Osvaldo Sudhammo

Questa voce è stata pubblicata in mudita: la gioia compartecipe. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.