Luna nuova – 10.aprile.2013

LUNA NUOVA — mercoledì 10 aprile — da Ajahn Munindo

La consapevolezza ricettiva apre alla vita
la fuga nella distrazione
è un sentiero di morte
chi è consapevole è totalmente vivo
chi è distratto
è come fosse già morto.

Dhammapada strofa 21

Il Buddha elogiava la coltivazione della consapevolezza.
Ma, in un momento specifico, come riconoscere qual è il giusto oggetto di cui essere consapevoli?
Le cose che vediamo, i suoni, gli odori, i sapori, le sensazioni e le impressioni mentali sono così variegate. Possiamo semplicemente prestare attenzione alla natura mutevole, instabile di tutte le cose fintanto che iniziamo a vederle come inaffidabili e non veramente degne di attaccamento.
Questo è essere consapevoli della speculiarità dei ‘contenuti’ dell’esperienza.
Cosa accade se applichiamo la consapevolezza al ‘contesto’ dell’esperienza?
La peculiarità del contesto in cui tutti gli oggetti dell’attenzione si manifestano è la stessa?

Bhikkhu Munindo

(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)

Questa voce è stata pubblicata in fasi lunari. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.