A chi è prigioniero di una passione amorosa

blog associato: buddhismo del quotidiano

 

In linea di principio le etichette di buono o di cattivo, di bello o di brutto che noi appioppiamo agli esseri o alle cose sono determinate dal nostro desiderio. Si definisce buono quello che si ama e cattivo quello che si detesta.

Sono invenzioni del nostro spirito. Se la bellezza esistesse nell’oggetto in sé saremmo tutti irresistibilmente attirati dagli stessi oggetti e dalle stesse cose.

Il desiderio sessuale, che concentra tutti i nostri desideri insieme, esercita sudi noi un effetto particolarmente forte, capace di trasformare le nostre percezioni in modo radicale. Nella passione amorosa l’uomo o la donna che desideriamo ci paiono perfetti da tutti i punti di vista, immutabili, degni di essere amati per sempre.

Ogni particolare della loro persona possiede un’aura straordinaria. Non riusciamo neppure a concepire di poter vivere senza di lui o di lei.

Purtroppo, poiché tutto per natura è in movimento, ciò che percepiamo come adorabile può,  d’un tratto, perdere la sua attrattiva a causa di una parola o di un gesto anche irrilevante. Peggio ancora se scopriamo che la persona assolutamente perfetta ai nostri occhi ama qualcun altro: di punto in bianco può divenire assolutamente detestabile.

Se questo genere di attaccamento vi pesa troppo, analizzate la vostra situazione con serenità e da tutti i possibili punti di vista. Riflettete sul fatto che tutto fluttua, che il buono e piacevole sono solo costruzioni del nostro spirito. Allora scoprirete di certo un muovo punto di vista. Talvolta basta chiedervi come percepireste l’oggetto del vostro amore se d’un tratto sapeste che vi tradisce, oppure di immaginarlo mentre fa qualcosa che non corrisponde affatto all’immagine ideale che ne avete.

Facciamo una distinzione tra il vero amore e l’attaccamento. Il primo idealmente non si aspetta niente in cambio e non dipende dalle circostanze. Il secondo può soltanto mutare a seconda degli eventi e delle emozioni.

Quanto al rapporto amoroso, che è legato in parte più o meno grande all’attrazione sessuale, come ho detto in precedenza può essere autentico e durevole soltanto se la scelta del nostro compagno non è fondata esclusivamente sull’attrazione fisica, ma sulla conoscenza e sul rispetto reciproco.

 

tratto dal libro: I consigli del cuore

Ogni bene, Osvaldo Sudhammo

<indietro>

Questa voce è stata pubblicata in buddhismo. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.