Il mio sutra mattutino

la mattina in metro, mentre recito mentalmente i nostri sutra (quelli che ho imparato), ho preso l’abitudine di ripetere anche l’ottuplice sentiero con una “controvoce” che mi dice tutto quello che mi serve prima di affrontare la giornata.

RETTA VISIONE [l’interdipendenza e l’impermanenza dei fenomeni non mi deve imbrogliare]

RETTO PENSIERO [che non classifica in convenienze e non giudica, questi non sono i dieci comandamenti]

RETTA PAROLA [che non colpisce e non divide, ma buonista no]

RETTA AZIONE [di aiuto]

RETTO SOSTENTAMENTO [non a scapito di altri, solo per l’indispensabile]

RETTO SFORZO [la pratica]

RETTA CONCENTRAZIONE [che sostituisca l’io con la compassione, i voti del bodhisattva]

RETTA MEDITAZIONE [senza pensare ai vantaggi o a premi, la Prajina Paramita]

chi vuole può condire a piacimento.

Roberto En-Kei

Questa voce è stata pubblicata in blog. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

2 risposte a Il mio sutra mattutino

  1. Sudhammo Sudhammo scrive:

    CHICCO DOPO CHICCO…
    =================
    Gianuario scrive: ” vorrei tanto riuscirci anch’io ”

    ti senti scadente? bene… chi non lo è stato?
    ti senti in colpa? bene… chi non lo si è mai sentito?
    come vedi sei in buona compagnia… e allora sosteniamoci…

    per riuscirci…
    ti posso dare un consiglio?
    prendi un pezzo di carta e scrivi come ti senti dentro… senza filtri… o con meno filtri possibile…
    prendi un piccolo contenitore e sistemalo sotto una piccola statua del buddha…
    ogni volta che ti siedi in meditazione metti nel contenitore un chicco di riso…
    quando il contenitore sarà pieno…
    riprendi il foglio e rileggi consapevolmente come eri tanti chicchi fa…
    traine le tue conclusioni.

    ogni bene, osvaldo sudhammo

  2. Gianuario Gianuario scrive:

    vorrei tanto riuscirci anch’io, soprattutto per la meditazione… purtroppo però le ansie, i pensieri, gli impegni, insomma il “rumore” della vita mi mette sempre i bastoni fra le ruote, e io mi sento un buddista scadente, e mi sento in colpa…