Luna nuova – 28.maggio.2014

Come il bambù distrugge se stesso
nel dare frutto
a se stessi fanno male gli stolti
prestando fede a false opinioni
e deridendo i saggi
che vivono in accordo con la Via.

Dhammapada strofa 164

È facile criticare le debolezze degli altri.
È difficile riconoscere e sanare gli errori dentro di sé.
A un certo livello, può anche far sentire bene elevare se stessi buttando giù gli altri, ma simili sentimenti non sono affidabili.
Essere sempre in vantaggio sugli altri è improbabile che contribuisca all’armonia.
Ovviamente, ci sono momenti in cui la critica è necessaria, ma perché sia costruttiva ci vuole un’intenzione salutare.
Conoscere con accuratezza la propria intenzione significa probabilmente dover rallentare un po’, aspettare e ascoltare dentro di sé prima di parlare.

Con Metta,
Bhikkhu Munindo

(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)

Questa voce è stata pubblicata in fasi lunari. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.