Luna nuova – 17 maggio 2015

Il potere della gentilezza

Grande è colui
che dice la verità
che offre delicato incoraggiamento
che non polemizza con nessuno.
 
Dhammapada strofa 408
 
Nel tenere un neonato, naturalmente vogliamo essere delicati.
Per lo meno a un certo livello, la delicatezza è qualcosa che conosciamo già.
Ma forse abbiamo bisogno di incrementarla. Per esempio, ci possono essere momenti in cui mettiamo sullo stesso piano delicatezza e debolezza.
Se è così, evocate l’immagine di un chirurgo che cuce dei nervi rotti o di un meccanico che calibra le impostazioni dei freni di un’auto.
Dove è richiesta la precisione, la sottigliezza è essenziale.
Allo stesso modo, quando ci rimproveriamo riguardo ai progressi in materia spirituale, la sensibilità, la delicatezza sono essenziali.
Sì, ci sono momenti in cui l’assertività è appropriata, ma stiamo attenti a non essere litigiosi per abitudine.

Con Metta,

Bhikkhu Munindo

(Ringraziamenti a Chandra per la traduzione)

Questa voce è stata pubblicata in fasi lunari, riflessioni. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.