Luna piena – 15.agosto

La bontà

Se compi un’azione salutare
falla di nuovo.
Gioisci nel ricordarla. 
Il frutto della bontà è la contentezza.

  Dhammapada strofa 118

Fare il bene è facile: un momento di gentilezza intenzionale o lo sforzo di essere un po’ più pazienti. E il frutto di queste azioni salutari è la contentezza.

Per questo il Buddha ci incoraggia a prenderci del tempo per assaporare i frutti della bontà. Di solito diamo valore a caratteristiche come l’intelligenza e la popolarità ma dovremmo verificare e valutare se investire in queste qualità conduca realmente alla contentezza.

Non è che cercare di essere sempre vincitori e in vista porti a più scontentezza? Non crediate che coltivare la bontà sia difficile o che non abbia effetto.

Con auguri di ogni bene,

Bhikkhu Munindo

Questa voce è stata pubblicata in miscellanea. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.